Skip to main content

Conservare e promuovere la pratica della concorrenza leale

Le regole dell'UE in materia di concorrenza sono pensate per garantire condizioni eque e leali per le imprese, lasciando nel contempo spazio all'innovazione, a norme unificate e allo sviluppo delle piccole aziende.

La Commissione europea monitora e indaga sulle pratiche anticoncorrenziali, sulle concentrazioni e sugli aiuti di Stato per assicurare la parità di condizioni per le imprese dell'UE, garantendo al tempo stesso ampia scelta e prezzi equi per i consumatori.

Le grandi imprese non possono usare il loro potere contrattuale per impedire a fornitori o clienti di collaborare con i loro concorrenti. La Commissione ha il potere di multare le imprese che ricorrono a tale pratica perché comporta un aumento dei prezzi e/o una minore libertà di scelta per i consumatori.

I poteri della Commissione di indagare e intervenire su eventuali violazioni delle regole di concorrenza dell'UE sono soggetti a una serie di controlli ed equilibri interni, nonché al pieno controllo giurisdizionale da parte della Corte di giustizia dell'UE.

L'UE è inoltre in prima linea nella collaborazione internazionale in materia di concorrenza per promuovere e proporre le migliori pratiche. È stata un membro fondatore della rete internazionale della concorrenza (ICN) ed è partner di diversi organismi nazionali e mondiali per valutare eventuali violazioni delle regole di concorrenza.

Notizie

19 novembre 2021
European Commission Press release Brussels, 19 Nov 2021 The European Commission has approved under EU State aid rules Estonia's map for granting regional aid from 1 January 2022 to 31 December 2027, within the framework of the revised Regional aid Guidelines (‘RAG').