Skip to main content

Fatti e cifre sulla vita nell'Unione europea

Superficie e popolazione

L'UE copre oltre 4 milioni di km² e conta 447,7 milioni di abitanti. Per estensione, la Francia è il paese più grande e Malta quello più piccolo.

Fonte: Eurostat.

 

Fonte: Eurostat.

Tenore di vita

Il tenore di vita è calcolato misurando il prezzo di determinati beni e servizi in ciascun paese rispetto al reddito di quel paese. Ciò avviene utilizzando una unità monetaria comune denominata standard di potere d'acquisto (SPA). Il confronto tra il PIL per abitante espresso in SPA permette di farsi un'idea del tenore di vita nei vari paesi dell'UE.

Fonte: Eurostat.

 

Nel 2017 il PIL dell'UE-27 rappresentava il 16% del PIL mondiale, espresso in SPA. La Cina e gli Stati Uniti erano le due maggiori economie mondiali, con quote rispettivamente del 16,4% e del 16,3%. L'India era la quarta economia, con il 6,7% del PIL mondiale, seguita dal Giappone con il 4,3%. La Germania era la più grande economia dell'UE, con una quota del 3,7% del PIL mondiale.

Fonte: Eurostat.

Istruzione

Le somme spese per l'istruzione variano a seconda dei paesi. Gli scambi di studenti nell'UE sono organizzati attraverso il programma Erasmus, che ha aiutato più di 4 milioni di persone a studiare e formarsi all'estero tra il 2014 e il 2020.

Fonte: Eurostat.

 

Inoltre, l'UE incoraggia attivamente gli allievi ad apprendere nuove lingue sin dalla più tenera età, in quanto una maggiore mobilità porta a un maggior contatto con persone di altri paesi.

Fonte: Eurostat.

Energia e trasporti

Negli ultimi anni l'energia da fonti rinnovabili ha continuato a crescere nell'UE. Tra le fonti rinnovabili presenti in Europa figurano l'energia eolica, l'energia solare, l'energia idroelettrica, l'energia generata dalle maree, l'energia geotermica, i biocombustibili e la parte rinnovabile dei rifiuti.

Fonte: Eurostat.

Un sistema di trasporto efficace è di vitale importanza per le imprese e i cittadini dell'UE. La politica dei trasporti dell'UE incoraggia spostamenti puliti, sicuri ed efficienti in tutta Europa.

Attualmente i trasporti sono responsabili di un quarto delle emissioni di gas a effetto serra dell'UE. L'UE intende ridurre del 90% tali emissioni entro il 2050. Passare a trasporti più sostenibili significa mettere al primo posto le persone fornendo loro alternative più sane, più pulite e più economiche.