Skip to main content

Sicco Mansholt: agricoltore, combattente della resistenza e vero europeo

L'organizzazione dei mercati dovrebbe essere vista come un mezzo per conseguire l'obiettivo finale di un mercato unico.

Sicco Mansholt

Vita e carriera

Mansholt è cresciuto in un'azienda agricola e si è avvalso delle sue esperienze nel suo ruolo di ministro dell'Agricoltura nel governo dei Paesi Bassi del dopoguerra. Con una drammatica carenza di cibo e una crisi in corso, Mansholt ha adottato una serie di misure per ripristinare rapidamente l'approvvigionamento alimentare. Ha fissato prezzi minimi per i prodotti agricoli più importanti, uniti a dazi sulle importazioni e aiuti per le esportazioni. Era convinto che tutta l'Europa dovesse diventare autosufficiente e che occorresse garantire a tutti un approvvigionamento stabile di prodotti alimentari a prezzi accessibili.

Una visione per l'Europa

Da convinto federalista europeo, sognava una politica agricola comune per l'Europa. Nel 1950 ha elaborato un piano per un mercato comune dei prodotti agricoli in Europa, che prevedeva una struttura di gestione sovranazionale.

Pur non essendo andato in porto all'epoca, è stato in seguito rilanciato ed è stato la fonte di ispirazione della politica agricola della Comunità economica europea. Mansholt ha avuto la possibilità di varare i propri piani per una politica comune quando, nel 1958, è diventato commissario per l'Agricoltura nella primissima Commissione europea.

Sicco Mansholt illustra la sua visione del settore agricolo europeo

Pubblicazioni

Per saperne di più sulla vita, il lavoro e il contributo di Sicco Mansholt al progetto europeo

Ulteriori informazioni